FINANZIAMENTI IMPRENDITORIA GIOVANILE



La legge per l’imprenditorialitą giovanile č nata con l'intenzione di promuovere lo sviluppo delle imprese giovanili, in aree svantaggiate della nostra nazione.
La legge infatti finanzia tutte quelle imprese costituite in maggioranza da giovani, e lo fa tramite un finanziamento misto tra fondo perduto e mutuo a tasso agevolato.

Ci sono peró dei requisiti obbligatori che coloro che richiedono gli aiuti devono rispettare per beneficiare dei finanziamenti.
Prima di tutto le nuove imprese devono obbligatoriamente essere societį, di persone, di capitali o cooperative.
Non č quindi possibile richiedere i finanziamenti se si apre una ditta individuale.
Le societį devono essere composte da giovani con etį compresa tra i 18 ed i 35 anni.
I contributi vengono concessi anche se la societį č composta per piś di due terzi da giovani con etį compresa tra i 18 ed i 29 anni.

Un terzo requisito prevede il requisito della territorialitį. Esistono due Obiettivi differenti dedicati a due differenti zone geografiche in Italia.
I soci devono avere la residenza in Calabria, Sicilia, Sardegna, Basilicata, Puglia e Campania per poter richiedere i finanziamenti dedicati al cosiddetto Obiettivo I, oppure in Molise, Abruzzo e i comuni delle aree svantaggiate del Nord Italia per poter beneficiare dei contributi a favore delle aree dell'Obiettivo II.

E' importante sapere che non tutti i progetti di investimento sono ammissibili.
Per la legge 95/1995, sono 'ammissibili' i progetti relativi alla produzione di beni nei settori industriale, agricolo e artigianale.



Sono altrettanto ammissibili ai fini della legge per l'imprenditorialitį giovanile, le forniture dei servizi appartenenti a qualsiasi settore produttivo.

Piś nello specifico, sono ammessi gli studi di fattibilitą del progetto imprenditoriale.
Per studio di fattibilitį si intende anche l’analisi di mercato.
I contributi saranno erogati per il 2% per investimento fino ad 516.456,90 euro; per l'1,5% per investimenti da € 516.456,90 a 1.291.142,25; per oltre e fino a 2 milioni e mezzo di euro, solo per l'1%).
Sono inoltre ammesse le spese relative all'acquisto di terreno fino al 40% della spesa ammissibile, le opere edilizie, da acquistare o da eseguire, compresi gli oneri dovuti per la eventuale concessione edilizia e le spese necessarie per la progettazione esecutiva, allacciamenti, macchinari, impianti ed attrezzature nuovi di fabbrica, altri beni materiali ed immateriali ad utilitą pluriennale direttamente collegati al ciclo produttivo.

I progetti che non presentino carattere di novitį dell'iniziativa, che non prevedano l'aumento della base produttiva e occupazionale e quelli che prevedano un investimento superiore a 2 milioni e mezzo di euro non sono ammissibili. Sono comunque previsti due tipi di agevolazioni: agevolazioni economiche ed offerta di servizi reali.
Le prime riguardano le agevolazioni finanziarie di cui abbiamo giį parlato, le seconde riguardano una serie di servizi che le imprese giovanili possono sfruttare gratuitamente.
I servizi riguardano una serie di aiuti, soprattutto per le start up, che comprendono servizi di informazione e tutoraggio, offerti prima della presentazione del progetto e servizi di accompagnamento alla fase progettuale.
L'offerta riguarda perció aiuti effettivi nella progettazione dei business plan, nella formazione imprenditoriale relativa alla gestione d'impresa, ai servizi di assistenza tecnica per risolvere i numerosi problemi connessi alla fase di avvio dell'attivitą.

La procedura per usufruire sia delle agevolazioni finanziarie sia di quelle di servizi risulta abbastanza semplice: bisogna presentare una domanda da inviare, tramite raccomandata con ricevuta di ritorno, alla sede di Sviluppo Italia a Roma, o alle sedi regionali della societą.
La domanda va accompagnata dal progetto di impresa e dalla copia dell'atto costitutivo, certificando che la compagine sociale č costituita in maggioranza da soci dai 18 ai 29 o dalla totalitą di giovani tra 18 e 35 anni.

Se l'esito risulterį positivo, i soci dovranno sostenere un colloquio per la definizione del piano esecutivo.
Quindi, accompagnati da un tutor, i soci dovranno predisporre il piano esecutivo degli investimenti, con cui stipulare il contratto di finanziamento.

Come si vede si tratta di aiuti reali e concreti.
E' quindi importante prepararsi a dovere prima di iniziare un'avventura del genere e non bruciarsi la possibilitį di ottenere finanziamenti preziosi per l'avviamento di un'attivitį che potrebbe davvero rappresentare un solido futuro per i giovani italiani che desiderino intrapprendere la carriera imprenditoriale.
Raccomandiamo di leggere il piś possibile sull'argomento e chiedere informazioni nelle sedi adeguate.
Non esiste limite temporale per presentare domanda, ma il processo risulta abbastanza lungo.

DISCLAIMER




Chi Siamo

Finanziamenti Imprenditoria Giovanile

Contattaci


©2014 CREDITLANDIA .IT – Tutti i diritti riservati - Privacy Policy