Garanzia Giovani

La Garanzia Giovani è un Incentivo all’assunzione dei giovani ammessi al Programma Operativo Nazionale per l’attuazione della Iniziativa Europea per l’Occupazione dei Giovani.
Con il Decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali l'Italia ha finalmente dato voce alla richiesta di incentivi per l’assunzione dei giovani.
Il Programma viene comunemente chiamato Fondo Garanzia Giovani e riconosce alcuni incentivi ai datori di lavoro privati, a prescindere dalla circostanza che siano imprenditori, per l'assunzione di giovani lavoratori registrati al Programma tramite iscrizione al portale Garanzia Giovani (www.garanziagiovani.gov.it).

Vediamo nel dettaglio la presentazione del Fondo Garanzia Giovani.
Tutti i giovani di etá compresa tra i 15 ed i 29 anni, che non lavorano e per qualsiasi motivo abbiano abbandonato gli studi, possono iscriversi alla Garanzia Giovani, che metterá a disposizione di tutta Italia, o comunque delle aree geografiche scelte dal giovane, il curriculum, le aspettative ed altri dati utili per una possibile assunzione.

Ovviamente i soggetti che non hanno compiuto la maggiore etá potranno registrarsi al Programma Garanzia Giovani solo dopo aver compiuto l'intero iter formativo obbligatorio e non potranno essere assunti prima dei 16 anni compiuti.
Dopo l'adesione telemativa al Programma, un centro per l’impiego o un ente similare contatterá il giovane per concordare alcuni colloqui. Al giovane sará dato un indice secondo una classe di profilazione che dará una stima del grado di difficoltà nella ricerca di un lavoro.

Esistono 4 classi di profilazione:
1: difficoltà bassa (di incontrare occupazione);
2: difficoltà media;
3: difficoltà alta;
4: difficoltà molto alta.

Tutte le informazioni fornite e raccolte verranno trascritte in un file allegato alla scheda relativa al giovane.
La lista dei giovani iscritti al Programma garanzia Giovani che cercano occupazione sará a disposizione di tutte le imprese o datori di lavoro che vorranno attingere a scopo assunzione.



Lo Stato offrirá quindi incentivi a chi attingerá dalla lista.
Gli incentivi del Fondo Garanzia Giovani spettano (a condizione che il rapporto di lavoro si svolga in una delle regioni o province autonome previste nel Decreto):
- per le assunzioni a tempo determinato di durata pari o superiore a sei mesi;
- per le assunzioni a tempo indeterminato.
Gli incentivi spettano anche in caso di rapporto a tempo parziale con orario di lavoro pari o superiore al 60% dell’orario normale.

Non spetta alcun incentivo per l’assunzione a tempo determinato di giovani con classe di profilazione bassa o media, e per rapporti di apprendistato, di lavoro domestico, intermittente, ripartito e accessorio.
L'incentivo può essere riconosciuto una sola volta per singolo lavoratore.
Un secondo incentivo per lo stesso lavoratore puó essere concesso solo nelle ipotesi di trasformazione a tempo indeterminato di un precedente rapporto a tempo determinato per cui sia giá stato autorizzato un primo incentivo, ma in questo caso la sede di lavoro deve rimanere nell’ambito della regione in cui si è svolto il rapporto a tempo determinato.
L'incentivo inoltre sará di importo pari alla differenza tra la misura prevista per il rapporto a tempo indeterminato e l’importo già fruito per il tempo determinato.

Consigliamo di informarsi relativamente ai contratti di somministrazione nell'ambito del Programma Garanzia Giovani, in quanto vengono trattati diversamente dai normali contratti di lavoro e presentano regole parzialmente diverse.
L’ammissibilità e l’importo dell'incentivo Progetto Garanzia Giovani sono determinati dalla classe di profilazione attribuita al giovane e dal tipo di contratto di lavoro. Gli importi vanno da 1.500 a 6.000 euro.

In caso di rapporto a tempo parziale gli importi sono ridotti in proporzione e si calcolano moltiplicando l’importo pieno per la percentuale che indica l’orario parziale/l'orario normale.
Gli incentivi del Fondo Garanzia Giovani spettano nei limiti delle risorse stanziate per ciascuna regione e provincia autonoma.

L’incentivo viene autorizzato dall’Inps in base all’ordine cronologico di presentazione delle istanze.
E' infatti l'INPS l'ente competente della completa gestione della misura detta Programma Garanzia Giovani, nel limite complessivo di spesa pari a euro 188 milioni di euro.

Vi sono comunque delle condizioni di spettanza dell’incentivo da parte del datore di lavoro:
1) regolarità contributiva;
2) osservanza delle norme poste a tutela delle condizioni di lavoro; 3) rispetto degli accordi e contratti di lavoro.
Inoltre, l'importo non deve superare i limiti complessivamente previsti per gli aiuti di stato cosiddetti de minimis e lo stesso non è cumulabile con altri incentivi economici o contributivi all'assunzione.

Per l'ammissione all'incentivo del fondo garanzia Giovani il datore di lavoro deve inoltrare all'INPS una domanda preliminare di ammissione all'incentivo che contenga il nominativo del giovane lavoratore assunto, il luogo di assunzione e la specifica che si tratta di iscrizione richiesta ai fini dell’incentivo inerente il Programma Garanzia Giovani.
La domanda va redatta ed inviata telematicamente sul sito dell'INPS: www.inps.it.
L’Inps, mediante i propri sistemi informativi centrali, effettua alcuni controlli circa i requisiti di spettanza dell'incentivo e attribuisce un esito positivo o negativo all'istanza, visibile nel Cassetto Previdenziale.

All’atto dell'assunzione del giovane tramite la Garanzia Giovani il datore di lavoro dovrà darne immediata comunicazione alla Sede INPS. L’incentivo assegnato con la Garanzia Giovani potrà essere fruito mediante conguaglio o compensazione operato sulle denunce contributive del datore di lavoro.

DISCLAIMER




Chi Siamo

Garanzia Giovani

Contattaci


©2014 CREDITLANDIA .IT – Tutti i diritti riservati - Privacy Policy